Copertina L Ombra Delle Cose web2019 / pag. 90 / € 10
ISBN 978-88-94879-40-7

ordina questo libro

Parlare della poesia di Franco Frainetti significa affrontare un itinerario complesso e spesso scivoloso. L’autore è un pittore e architetto. E questa impronta sta alla base del suo lavoro ed è fondante nell’utilizzo della parola. La sua è una poesia che parte dalla perdita, perché vivere e scrivere per un poeta, è perdere e perdersi continuamente.
Nei versi di Frainetti non c’è artificio né sovrastrutture ma solo la materializzazione di un vissuto. Basta addentrarsi nel canto per capire quanto dolore e quanta rabbia contengano queste liriche dal timbro puro.

[Antonio Veneziani]

Franco Frainetti è nato nel 1949 a Sezze Romano in provincia di Latina, dove tuttora vive e opera. Si è laureato in architettura a Roma nel 1976. In seguito ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Frosinone, dove si è diplomato nel 1986. Ha insegnato Storia dell’Arte in alcuni Istituti d’Arte e Licei Classici. Architetto, pittore e poeta, coltiva le sue passioni partecipando a convegni e dibattiti letterari e artistici. Come poeta si è distinto in vari concorsi letterari, Nazionali e Internazionali, ottenendo significativi riconoscimenti di critica e di pubblico. Le sue poesie sono state selezionate e inserite in numerose antologie e riviste. Ha pubblicato nel 2014 il libro: Poesie, Editore Libreria Croce. E nel 2019 il libro di poesie: Insofferenze, Editore FusibiliaLibri.

Copertina Poco Più Di Niente web2019 / pag. 122 / € 10
ISBN 978-88-94879-39-1

ordina questo libro

La Poesia confessione aiuta come e più di una terapia. Riabilita al riconoscersi, a superare il muro costruito tra l’Io e gli altri, il baratro che s’apre minaccioso sull’orlo del pensare e ricordare. Poesia di getto e di pensiero, allora, Poesia di sofferenza e di preghiera. L’Amore è quel poco più di niente che resta e che non vuole morire del tutto. Fiammelle di luce che illuminano un tunnel e che bruciano se osi sfiorarle. Ma che guariscono, purificano, riavvicinano al “qui e adesso”, perché nessuno di coloro che hanno amato vaghi più in solitario dolore.

[Sandra Cervone]

Alessandro Borsetto è nato l’11 novembre 1968 e risiede in provincia di Treviso. Ha conseguito due titoli accademici in Sociologia e Scienze Politiche. Attualmente è laureando in Giurisprudenza. Amante del mare e del suo variare di tonalità. Scrittori preferiti: Bukowski, Dylan Thomas e l’italiano Ezio Vendrame (poeta nomade). Tra i generi musicali preferiti: The Doors, Nick Cave, Depeche Mode, Moby e gli adorati Madrugada. Questo libro oltre che ai genitori è dedicato ai suoi amici definiti “i fantastici quattro” e alla little baby (save the day...)

Copertina Comprendimi web traccia2019 / pag. 102 / € 10
ISBN 978-88-94879-37-7

ordina questo libro

La poesia della giovane Laura Palumbo colpisce per la genuina resa non tanto all’Ars (così cara a Quinto Orazio Flacco), quanto alla tradizionale narrazione in versi di sensazioni, emozioni, riflessioni e ripensamenti, esplosioni di riconoscenza e momentanei raccoglimenti, slanci onirici e piedi ben piantati nella realtà circostante. Versi che s’innalzano nei cieli e negli abissi, alternando preghiere e perdoni, estasi e abbandoni, prontezza e timori. L’amore sfiora l’Amore...

[Sandra Cervone]

Laura Palumbo, nata a Sciacca nel 1999, studia Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università degli studi di Palermo. È un’amante della natura e un’appassionata di tutto ciò che concerne l’arte. Ha iniziato a scrivere nel cuore dell’adolescenza, vincendo e classificandosi in diversi concorsi regionali e nazionali. Comprendimi è la sua prima raccolta edita.

Copertina Chant D Amour Pour Lilli web2019 / pag. 86 / € 10
ISBN 978-88-94879-29-2

ordina questo libro

Chant d’amour pour Lilli est un recueil de sonnets datés (1999-2002) et dédiés à son épouse, la femme que Pietro a aimée pour toute la vie et qui continue à l’aimer intensément. Qu’est ce que l’amour? La chanson de Lilli est traversée par cette question. Mais l’auteur nous donne directement la réponse quand il déclare: «Lilli est toujours mon esprit, c’est tout le vert et le bleu que je connais, tous les cristaux les plus précieux qui contiennent toutes les valeurs et les richesses qui ne peuvent jamais être conçues.»

Canto d’amore per Lilli è una raccolta di sonetti datati (1999-2002) e dedicati a sua moglie, la donna che Pietro ama da una vita e che continua ad amare intensamente. Che cos’è l’amore? Il canto per Lilli è attraversato da questa domanda. Ma la risposta ce la dà direttamente l’autore quando afferma che «Lilli è ancora la mia mente, è tutto il verde e l’azzurro che conosco, tutti i cristalli più preziosi che contengono tutti i valori e le ricchezze che mai potranno essere concepite.»

[Leone D’Ambrosio]

Pietro Vitelli è nato a Cori (Latina) nel 1937, ha pubblicato numerosi libri di poesia in lingua e in dialetto, saggi storici, racconti e un romanzo. Sue poesie sono tradotte in inglese, greco, russo, polacco e francese. Ha ricevuto importanti premi per la poesia e la saggistica storica. Sue poesie sono inserite in varie antologie. Ha scritto anche di finanza e di economia. È stato assessore alla Regione Lazio e sindaco di Cori e per una vita membro del Consiglio e della Direzione nazionale dell’AICCRE (Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa).

Copertina Mousabitch web2018 / pag. 132 / € 10
ISBN 978-88-94879-17-9

ordina questo libro

Da una certa barocca complessità espressiva che caratterizzava la sua raccolta d’esordio Atomi afoni (2014), Giuseppe Morgillo va qui, in Mousabitch, ancora più oltre, arrivando alla frantumazione a suo modo ungarettiana del verso, in frammenti costituiti da poche parole, a volte anche una o due. Il lessico è essenziale e colloquiale, denotativo più che connotativo. Ma se è scorrevole e accessibile il significante, il significato va percepito avendo presente, come chiave interpretativa, il rapporto tra l’io poetico e la sua musa, che poi è la tematica portante del libro.

[Sandro De Fazi]

Giuseppe Morgillo aveva “vari esperimenti di vita alle spalle” quando uscì Atomi afoni nel 2014. Da allora nella sua “vita pubblica” poche cose sembrerebbero essere cambiate, stesso lavoro, stessi ritmi, una certa stabilità, ma non una stasi, non più “una stasi”, come scriveva allora. E, appunto, proprio la scrittura è cambiata, rumorosamente diventando una cosa diversa. È anche così che si torna giovani, meno ragioniere e più bambino, infantile e intimo come solo chi capisce quel che fa solo dopo averlo fatto. Non ha più neanche accanto a sé l’eco del rimpianto di non essere stato il Professore che avrebbe potuto. Ora sa di essere uno scrittore da compiere. Mousabitch è una premessa a quello che la sua Musa, divina puttana, vuole che lui sappia di dover fare.

Calendario Eventi

Gennaio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31